Home Chi siamo Eventi Corsi e Stages Teachers
Photo Gallery
Foto reportage Inza y Saborido
 









Suoni di Marca, Treviso























ALLA_CLANDESTINA_2014_2
Milonga La Clandestina
Teatro Marinoni Lido di venezia
















 
Chi è Enrico

Enrico (Chicco) Simionato, muove i suoi primi passi di tango presso l'associazione Libertango di Venezia nella primavera del 2003. Dopo i corsi principianti, tenuti da ballerini esperti dell'associazione, inizia a frequentare gli stages che Libertango in quegli anni organizza regolarmente con maestri professionisti come Graciela Gonzales, Alejandro Aquino, Teté Rusconi, Paulo Araujo. Nello stesso anno, da luglio a novembre partecipa agli stage del tour italiano di Gustavo Naveira e Giselle Anne, ricevendone un imprintig, anche motivazionale, a suo dire formidabile.
Comprende l'importanza di migliorare scioltezza e consapevolezza del corpo e intraprende un lungo percorso di studio del Metodo Feldenkrais sotto la guida diretta del maestro veneziano Lorenzo Zanchi. Proseguirà il lavoro su di sé frequentando per alcune stagioni i corsi di danza stretching tenuti dalla ballerina Silvia Salvagno, fondatrice a Venezia della scuola
  Kairos.

  Dal 2005 frequenta regolarmente gli stages e i seminari di Tango del maestro argentino Federico Rodriguez Moreno e di sua moglie, la ballerina e coreografa francesce Catherine Berbessou, che elegge come propri insegnanti di riferimento e verso i quali nutre profonda stima anche sul piano personale. In diverse ripetute occasioni ha anche partecipato a stages e seminari con Pablo Veron, Damian Rosenthal/CelineRuiz, Pablo Inza, Natario/Arrué, Sebastian Arce/Montes, Frumboli/Sepulveda e, occasionalmente, con altri importanti professionisti, maturando la convinzione che il Tango, come danza, non sia divisibile in stili e correnti ma sia bensì un' unica ricca e complessa forma d'arte.
20151001_211806_(2)

Legato affettivamente all'associazione Libertango Venezia e riconoscendosi fin dagli inizi nella forma di organizzazione democratica che Libertango si è sempre data, dall'anno 2012 ne è membro del consiglio direttivo e responsabile artistico/didattico. 

Orafo di professione, un po' musicista in verde età, un po' scrittore per diletto e buon lettore (furono, anche, i racconti di Osvaldo Soriano ad avvicinarlo alla cultura argentina), riversa nel suo modo di ballare e di insegnare una certa inclinazione alla creatività. Le sue lezioni rivolgono molta attenzione agli aspetti dinamico posturali e alla musica, anche come mezzo per migliorare la flessibilità del proprio corpo e liberare potenzialità espressive.
Ad un piano di lavoro prestabilito preferisce un po' d'improvvisazione e di adattamento alle caratteristiche degli allievi o allo spirito del momento, senza tuttavia venir meno ad un'utile e necessaria coerenza tematica e programmatica.




  dal 20/9/2015  

Site Map